Scopri come gli evaporatori EVALED® lavorano sfruttando tre diverse tecnologie di scambio termico per offrirti la migliore soluzione per il trattamento delle acque e la riduzione dei consumi energetici.

COME FUNZIONA UN EVAPORATORE A POMPA DI CALORE?
Lavora come un normale condizionatore d’aria, con due fonti di calore (una calda e una fredda) per evaporare e condensare l’acqua. Sono condizioni essenziali il vuoto a 4 kPa e la temperatura a 30°C.

QUALI SCAMBI DI CALORE AVVENGONO IN UN EVAPORATORE A POMPA DI CALORE?
Il consumo energetico viene ridotto a circa 150W per litro (all’incirca 5 volte meno dell’evaporazione atmosferica) poiché la maggior parte dell’energia (calore latente) è riutilizzato per la produzione di nuovo vapore. Il consumo di energia elettrica dipende dalla compressione del fluido intermedio e rappresenta l’energia stessa che permette il riutilizzo.

COME FUNZIONA UN EVAPORATORE A MULTIPLO EFFETTO?
Sfrutta il vapore prodotto all’interno della prima caldaia per produrre nuovo vapore nella seconda, ad una temperatura ed una pressione inferiori. Questo riciclo del vapore può essere effettuato varie volte a cascata (multiplo effetto) in base alla temperatura del primo step di riscaldamento del fluido ed allo step di raffreddamento dello stesso durante l’ultimo processo.

COME FUNZIONA UN EVAPORATORE A RICOMPRESSIONE MECCANICA DEL VAPORE?
Sfrutta il vapore generato all’interno della camera di ebollizione. Questo viene compresso adiabaticamene (il consumo energetico dipende dal compressore), la temperatura aumenta e la condensazione ha luogo nello scambiatore di calore principale, che trasferisce calore latente al fluido da evaporare. Un sistema ausiliario di recupero del calore permette un consumo d’energia estremamente ridotto (circa 30W/litro acqua, 25 volte inferiore rispetto all’evaporazione atmosferica).